Il coltellino pubblicitario

coltellino pubblicitario

Il coltellino pubblicitario

Condividi

Tascabile per eccellenza, tradizionalmente poco costoso, il coltellino pubblicitario è un esemplare pieghevole, spesso un semplice temperino a due lame. Questo coltello ha ispirato sin dal suo apparire i pubblicitari di tutta Europa.

Nello specifico il periodo in cui furono maggiormente in voga fu tra le due guerre trascinandosi poi fino alla fine degli anni 60.

In Francia furono prodotti  in acciaio o acciaio e celluloide nella città di Thiers.

In Svizzera è tutt’oggi apprezzata la serie di Victorinox Pubblicitari.

La funzione del coltellino pubblicitario

Progettati in milioni di esemplari hanno reclamizzato prodotti di ogni settore, da prestigiose marche di liquori (liqueur Bénédectine, Cognac (Cognac Bisquit),  Champagne come Cordon Rouge (un cuveé della Mumm), Moet & Chandon, Charles Heidsieck, Mercier e case di vini Champenois.

Per assolvere queste funzioni la maggior parte delle volte erano dotati di cavatappi per i vini o di una lama ricurva atta a svolgere le operazioni precedenti all’estrazione del tappo.

Ciò non esclude la minore diffusione anche per compagnie e settori differenti come ad esempio la Cycles Peugeot. 

I materiali economici

La diffusione di un materiale economico come la plastica negli anni cinquanta ha permesso il ricorso della marchiatura a caldo a prezzi molto più contenuti rispetto a prima e quindi l’immediata diffusione anche tra le aziende medio-piccole (il cui budget era inevitabilmente minore).

Purtroppo sono anche numerose le scadenti imitazioni made in China.

In Germania invece fin dalla fine dell’ottocento riscosse un grande successo la tecnica dell’imbutitura. La produzione tedesca di argentana imbutita è stata sicuramente la migliore.

Il mio esemplare di coltellino pubblicitario

 Ecco qui un temperino della mia collezione che pubblicizza la rivista quindicinale di elettrotecnica Romana “l’elettricista”. Lama punzonata “Herm.Bierhoff Ohligs – Solingen”

Il coltellino pubblicitario delle squadre di calcio

In Italia negli anni 60 hanno avuto particolarmente successo la serie di coltellini tascabili che pubblicizzavano squadre di calcio come il Milan, l’Inter o la Juventus.

Date le ridotte dimensioni e con lo stemma della squadra del cuore venivano apprezzati come utili e simpatici portachiavi.

Nelle foto seguenti puoi osservare alcuni esemplari di questo genere di coltello.

Nell’ordine:

  • Coltellino della Juventus con catenella
  • Coltellino dell’Inter
  • Coltellino pubblicitario della Juventus
  • Coltellino del Milan

Il coltellino pubblicitario del Vermouth Ferrero

Un altro coltellino pubblicitario piuttosto interessante, è quello prodotto dalla Paul A. Henckels a Solingen per il Vermouth torinese Ferrero dei F.lli Ferrero Di Riccardo.

Coltellino pubblicitario Ferrero
Coltellino pubblicitario Ferrero

Si ritiene che la datazione sia da attribuire agli anni ’20, anche se più verosimilmente, si colloca negli anni ’40.

Le versioni dei regimi dittatoriali

Anche i due regimi dittatoriali Europei dell’epoca non potevano rimanere immuni al fascino e alla moda dei coltellini pubblicitari trasformandoli in strumento di propaganda.


Questo temperino sui generis, in alpacca imbutita fa’ parte di un piccolo lotto realizzato per commemorare la Marcia su Roma.

Punzonato Scarperia, fu prodotto probabilmente dalla ditta F.lli Tonerini nel 1932 per celebrare il decennale della Marcia su Roma e della Rivoluzione Fascista.

Regime nazista


Come purtroppo sovente accade, per “articoli” del genere sono state realizzate anche copie moderne, le quali a seconda della loro fattura possono trarre in inganno acquirenti più o meno esperti. Difficilmente però questi presenteranno marchi sulle lame o punzoni sul ricasso della lama.

Vuoi vedere più immagini relative ai coltellini pubblicitari?

Visita la nostra Gallery

Se invece avessi voglia di leggere altri articoli sui coltelli antichi, dai un’occhiata qui

Condividi
Passione Lame

Leave a Reply