Il Coltello Genovese

Il coltello genovese storie di lame di armi prohibite e di "caruggi"

Il Coltello Genovese

Condividi

Come Brescia fu predominante riferimento nelle armi da sparo così Genova lo fu nella produzione, sicuramente a partire dal 1600 e per tutto 1700, ma con tutta probabilità anche prima, nella produzione e commercializzazione dei coltelli Genovesi.

Locuzione con la quale sono diventati sinonimo le armi da taglio proibite. Coltelli perniciosi con lame simili a stiletti, messe al bando dal governo della Repubblica e da molti antichi stati italiani.

Tale produzione nonostante le limitazioni era però più che diffusa, quasi capillare e anche piuttosto apprezzata.

Fonti archivistiche del comune genovese riportano la presenza, fin dalla seconda metà del XII secolo, di un’arte dei coltellieri, di cui furono iscritti in 329.

Si può ipotizzare che non ci fosse uomo del popolo o dell’aristocrazia genovese che non possedesse questo tipico coltello magari celato negli indumenti o camuffato da attrezzo per un uso lavorativo.

Coltelli di foggia simile sono presenti anche in altre parti d’Italia e in Corsica, tanto che spesso l’arma viene denominata coltello alla genovese o all’uso Genovese.

Chiudiamo con aneddoto raccontato dall’autore e una sua purtroppo triste chiosa:

Il coltello genovese fu la “spada del popolo”, l’arma dei sicari molto prima delle pistole. Se avessi avuto dubbi sulla sua diffusione, sono definitivamente svaniti quando, come ingegnere un pò di tempo fa venni incaricato del consolidamento dell’altare della cattedrale di S.Lorenzo. La statua della Vergine, posizionata per la prima volta nel 1654, era in bilico. Quando la rimuovemmo, sotto due tonnellate di marmo trovammo incastrati alcuni coltelli. Erano stati lasciati come atto votivo dalle maestranze del ‘600.Li consegnai al museo Diocesano. Ma è l’unico esempio di coltelli genovesi musealizzati. Per il resto nulla, questa città continua a ignorare la storia di una sua antica e significativa industria manifatturiera.

L’opera di riferimento sul Coltello Genovese

Il coltello genovese opera

“Il coltello Genovese, storie di lame, di armi prohibite e di caruggi” è probabilmente l’opera più completa mai realizzata riguardo i coltelli a lama fissa, genovesi in particolare.

Uno di quei libri che non dovrebbe assolutamente mai mancare nella biblioteca di qualsiasi estimatore di coltelli antichi.

Il professor Andrea Buti (autore dell’opera), nato a Siena nel 1939, vive a Genova da oltre quarant’anni.

Ingegnere e professore universitario, docente di tecnica delle costruzioni presso la facoltà di architettura dell’’Università degli Studi di Genova ha descritto attraverso la storia del coltello genovese, una parte inedita, trascurata e sminuita della storia della “Superba”.

Già autore di numerose pubblicazioni italiane ed estere in campo tecnico-scientifico e a carattere storico-collezionistico nel corso della sua carriera professionale ha approfondito lo studio e la conoscenza del costruito genovese, ricoprendo anche il ruolo di consulente della pubblica amministrazione, per il centro storico, e di delegato, per l’edilizia di Ateneo, del Magnifico Rettore. 

Riguardo l’opera

Di questo volume sono state stampate esclusivamente 800 copie numerate, e veniva commercializzato al costo di 100 euro dalla casa d’aste genovese San Giorgio.

La Casa d’aste svolgeva la sua attività sin dal 2007 nel seicentesco Palazzo Boggiano Gavotti di via San Lorenzo.

Dell’editing del libro si è occupata Flavia Trivella.

Della Grafica e fotocomposizione Erica Meneghel e A. Buti.

Disegni: Ida Chiappe

Fotografie: Massimo Varallo (Maxfoto)

La prima edizione è del Febbraio 2011 stampata da Colombo Grafiche – Genova.

In copertina : C. Grassi, “veduta di Genova nel 1481” (Galata – Museo del Mare di Genova).

pagine 411 

Se hai trovato interessante l’articolo, commenta qui sotto.

Per conoscere altre opere sul mondo dei coltelli antichi, clicca qui

Per saperne di più sui coltelli antichi, questo è il link

Condividi
Passione Lame

1 comment so far

ManuelPosted on10:52 am - Lug 30, 2020

Buongiono volevo chiedere se fosse in vendita il prezzo del libro “il coltello genovese nivese” di Andrea buti e se è possibile ritirarlo sono di Genova

Leave a Reply