La Koumia Marocchina

La Koumia Marocchina

Condividi

Quante volte ricordiamo che il coltello è civiltà, storia e cultura?

Ci permettiamo pertanto una digressione storica su un modello antico tipico del Marocco, e da noi tristemente famoso: la Koumia Marocchina.

Koumia marocchina
Koumia autentica frutto di uno scambio tra un ufficiale e un goumier nel 1944.

In origine il termine “Goumiers” venne utilizzato per indicare i soldati “irregolari” reclutati dall’esercito francese durante i primi anni del Novecento nell’area del Maghreb, ai tempi zona coloniale francese, e appartenenti a tribù montane dell’Atlante.

I Goumiers non furono utilizzati al di fuori del Marocco durante la Prima guerra mondiale.

Durante il II conflitto bellico, invece, quattro divisioni di soldati marocchini, combatterono al fianco degli alleati nel corso della campagna d’Italia (per un totale di circa 12,000 uomini).

Abituati alla dura vita di montagna, resistenti al freddo e alla fame, essi erano specializzati in raid notturni e prediligevano l’uso di un lungo coltello (“koumia“) per assaltare i nemici, che venivano sgozzati e spesso mutilati.

Nelle foto seguenti potete notare la forma e le caratteristiche di questo tipico coltello marocchino.

Spilletta Koumia marocchina
La spilletta con l’ effigie della Koumia decorato con motivi geometrici e floreali rappresentava i battaglioni dei GMM (Goums Mixes Marocains/Gruppi Misti Marocchini).
Koumia antica
Koumia antica



Condividi
Passione Lame

Leave a Reply